Tiffany compie 175 anni e non li dimostra!

Chi non conosce Tiffany? Non fosse altro che per il famoso film con Audrey Hepburn, "Colazione da Tiffany", il quale inizia con la protagonista che all'alba, prima di rientrare a casa, si ferma ad ammirare le piccole vetrine sorseggiando caffè e mangiando una brioche.

Sono trascorsi 175 anni da quando, il 14 settembre 1837, il giovane collezionista di gemme Charles Lewis Tiffany apre sulla Broadway, un negozio di "cartoleria e articoli fantasy". new York in quegli anni è in fermento per diventare ciò che sarà, cioè il simbolo della modernità e della creatività. E Tiffany ne è lo specchio fedele.

La nascita del primo gioiello della futura prestigiosa maison avviene nel 1886, con il Tiffany Setting, una montatura a sei griffe che esalta luce e pregi di ogni brillante e che da allora rappresenta l'anello di fidanzamento per eccellenza. Il famoso "engagement ring", regalo ambitissimo di ogni donna.

Infatti non esiste donna che non si sia identificata con Audrey Hepburn nella parte di Holly Golightly, la socialite degli anni '60, che nel film si fa accompagnare da un taxi sulla Fifth Avenue davanti alle vetrine di Tiffany "dove tutto ti fa sentire bene".

E che non desideri ricevere il famoso pacchettino azzurro con nastro bianco, magari anche solo con all'interno un cuore da rispedire al mittente in caso di smarrimento, o una chiave, o il lucchetto sigilla amore.Tanti sono i charms in argento che Tiffany produce e che sono diventati dei bijoux alla portata di molti, visto le interminabili code che ci sono sempre nel reparto argento delle loro boutique. Perché Tiffany è Tiffany.

E pensare che la prima volta che sono entrata nel negozio di New York, sono rimasta delusa, l'interno è rimasto come nel famoso film, ed io mi aspettavo forse, a torto, più sfarzo, invece era tutto molto anni '50, un design lineare, i gioielli semplicemente esposti nelle vetrine che fanno anche da banco d'appoggio.

Anch'io (e per me è come si suol dire "andare a sagra" dato che amo i cuori) sono proprietaria di un braccialetto e un girocollo con cuore, di una lunga catena con i pallini con appeso un Return to Tiffany, e di un prezioso Open Heart in oro giallo con brillantino cabochon.

Certamente la magia di "Colazione da Tiffany" è sicuramente dovuta anche all'allure di questa griffe, con le sue forme storiche e le loro creazioni: a partire dagli anni '50 con i fiori e gli smalti nelle lampade  di John Schlumberger, gli originali gioielli e oggetti in argento di Elsa Peretti, diventata un'icona degli anni '70, il glamour di Paloma Picasso e le invenzioni materiche di FranK O. Gehry.

Per concludere un piccolo aneddoto: una signora mi racconta che la figlia la chiama da New York la scorsa estate dove si trova in vacanza con la famiglia, tutta eccitata le chiede "mamma sono da Tiffany cosa vuoi che prenda?", la mamma senza indugi risponde "ma un cappuccino, cara!!!"

Ultimo aggiornamento Sabato 20 Aprile 2013 09:36

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna