Preview Mostra Ecce Pinocchio

Solo per un ristretto numero di giornalisti è stata organizzata la preview della mostra Ecce PinocchioLocation Isola del Garda, ospiti della famiglia Cavazza, che annovera tra i propri antenati anche i principi Borghese.

Una mostra molto particolare dove il protagonista è Pinocchio, il burattino-bambino più famoso d'Italia, interpretato da artisti selezionati da Anna Lisa Ghirardi, ideatrice e curatrice della mostra, con lla partnership con Cedral Tassoni, con il patrocinio con sovvenzione del Comune di San Felice del Benaco e della Fondazione Nazionale Carlo Collodi.

 

Perfettamente integrate in ciascun ambiente, le opere (sculture, installazioni, fotografie, video, opere pittoriche) dei 12 artisti contemporanei italiani animano così l'isola di presenze collodiane. Mirko Baricchi, Stefano Bombardieri, Calogero Canalella, Francesca Casolani, Francesco De Molfetta, Patrizia Fratus, Armida Gandini, Ettore Greco, Stefano Mazzanti, Fausto Salvi, Livio Scarpella, Paolo Schmidlin giocano con le figure, danno vita ai personaggi, sperimentano la materia per rendere le emozioni.

“Soltanto la nostra immaginazione potrà guidarci in questo percorso fantastico, al termine del quale, forse, ci rendermo conto che l’Isola non è altro che il famoso Paese dei balocchi, dove tutte le regole della vita quotidiana sulla terraferma sono sovvertite e allora, improvvisamente, ci verrà l’istinto di specchiarci per un istante nelle acque cristalline del lago per controllare di soppiatto che non ci stiano crescendo le orecchie!”. Questa è la presentazione del percorso nel catalogo, dalla famiglia Cavazza che dai primi del Novecento protegge e salvaguardia questo straordinario bene.

Un'isola da favola che diventa la collocazione perfetta per ambientare l’evento che rappresenta il capolavoro collodiano negli spazi fuori e dentro la villa e per alimentare il dialogo eterno tra paesaggio e arte in una progettualità che lascia spazio a fantasia e meditazione.

Del resto Le avventure di Pinocchio è il libro più tradotto e venduto della letteratura italiana che porta con sé tutta la varietà del genere umano nella battaglia tra bene e male, tra giusto e sbagliato. Se però il percorso narrativo si esaurisce nelle pagine con la trasformazione del “burattino” in essere umano, sull’Isola il finale della fiaba rimane aperto: “chiunque può rileggere Pinocchio, portarlo con sé dall’infanzia all’età adulta e aggiungere altre pagine al racconto. È una fine dai molteplici inizi”.

Perché in fondo siamo un po' tutti dei Pinocchi.

Info per visite: dal 10 maggio al 10 ottobre 2014 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - + 39 328 384 9226 / +39 328 612 6943.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 07 Maggio 2014 18:00

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna