Quattro chiacchiere con Lee Wolen

Ho incontrato Lee Wolen a St.Moritz, dove era ospite insieme ad altri suoi 9 colleghi venuti dagli Usa per la 24a edizione del St. Moritz Gourmet Festival intitolata "Discover the best from the West!".

Lee, poco più che trentenne, ha già una stella Michelin ottenuta con il BOKA, locale di Chicago di cui è chef e partner con Rob Katz e Kevin Boehm.

Nato e cresciuto a Cleveland, sin da piccolo ha sempre avuto una grande passione per la cucina che lo ha portato a frequentare una scuola a indirizzo culinario.

La sua carriera lavorativa inizia come sous chef in due locali di Chicago, il Moto e il Butter, poi si trasferisce in Europa dove effettua due delle più importanti esperienze della sua vita nelle cucine di Manoir aux Quatr’Saisons e del celebre El Bulli. Tornato negli Usa approda all'Eleven Madison Park di New York, dove rimane diversi anni, durante i quali il locale ottiene le tre stelle Michelin, le quattro stelle del New York Times e un posto tra i primi dieci del San Pellegrino World's 50best.

Nel maggio 2012 Lee Wolen torna a Chicago dove lavora come chef de cuisine al The Lobby, all'interno dell'hotel The Peninsula. Iniziano ad arrivare i primi riconoscimenti: Time Out Chicago gli consegna le prime cinque stelle in otto anni della rivista, e lo stesso magazine lo premia come migliore nuovo Chef dell'anno.

Qual è il tuo tipo di cucina?

E' una cucina contemporanea americana, che realizzo con tecniche classiche, forti influenze mediterranee, anche sapori decisi e caratterizzata dall'uso di pochi ingredienti, insomma una cucina semplice.


Quali sono i tuoi ingredienti preferiti?

Tutti quelli di stagione, cerco di rispettare la stagionalità dei prodotti e i miei piatti cambiano a seconda di ciò che trovo in quel momento al mercato. Amo molto cucinare le capesante e e  il polipo.  Il polpo è uno dei piatti più popolari di Boka ed anche il preferito da molti clienti. Viene cotto per lungo tempo, poi passato sulla griglia, in questo modo rimane morbido dentro e croccante fuori.


Qual è il segreto del successo del tuo ristorante?

Cucinare ciò che la gente desidera, prima lo provo io e poi lo propongo ai miei clienti, se a loro piace è fatta, e in generale i miei piatti sono molto apprezzati ed il segreto del successo è anche essere una grande famiglia, solo così può funzionare.


Qual è il tuo piatto preferito, quello che ami di più mangiare?

Il Sushi, perché è semplice, ma amo molto anche la pizza.

 

Come è stata la tua esperienza al St.Moritz Gourmet Festival?

Amazing, un posto bellissimo, domani andrò a sciare...:-)

 

Progetti per il futuro?

A novembre a Chicago aprirò un altro ristorante. Stay Tuned!

Ultimo aggiornamento Domenica 16 Aprile 2017 08:36

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna