Grand Hotel Bristol Resort & Spa

Situato nel golfo di Tigullio con la vista che spazia da Rapallo al promontorio di Portofino, il Grand Hotel Bristol Resort & Spa è una struttura 4 stelle superior, dei primi del '900, con una bella facciata color rosa pallido in stile Belle Epoque.

Ha partecipato di recente al lancio della nuova stagione dove la famiglia Rocchi proprietaria dell'hotel e di altre due strutture (l'Hotel Mentana a Milano e l'Hotel Royal Victoria a Varenna) ha presentato le novità del 2017, a cominciare dalla suggestiva piscina a sfioro, con un'ampia zona idromassaggio e percorso di cromoterapia, dove fare il bagno ammirando il panorama circostante.

L'hotel dispone di 83 camere di cui 40 deluxe,vista mare frontale (io ho dormito nella n.115 ariosa e luminosa) 20 superior, vista mare laterale, 8 standard con vista sulla collina,6 junior suite vista mare e 4 single rooms. Tre suite vista mare e 2 Presidential suite: la Hemingway e la Kandinsky, situate all'ultimo piano della struttura con vista a 360° sul golfo.

Tra le altre peculiarità dell'hotel una Spa con sei cabine per trattamenti e un'area wellness con sauna. idromassaggio, bagno turco e sala relax. E anche una sala fitness. La Spa è aperta anche agli esterni con speciali pacchetti giornalieri, su prenotazione, per ritagliarsi una giornata tutta per sé all'insegna del benessere.

Il Grand Hotel Bristol è dotato di due ristoranti, entrambi con vista mare: il Chamberlain, situato al piano terra per pranzi veloci e per cene informali; e Le Cupole nel roof top, chiamato così per via delle cupole poste alle due estremità adatte per cene private, dove lo chef executive Graziano Duca propone piatti gourmet in cui il protagonista assoluto è il prodotto. Ecco il menu che mi ha fatto assaggiare, dove erano presenti alcuni dei suoi piatti cult: gambero viola di Santa Margherita, Primo Sale di capra, piselli e passion fruit; bottoni ripieni di Ciuppin, succo di crostacei e lattuga di mare: poi trancio di spigola, patate al limone, emulsione alle vongole e finocchietto selvatico e infine il dolce spuma al basilico, sorbetto alla violetta, meringa e liquirizia.

Graziano Duca piemontese di nascita, precisamente di Verbania, mi ha raccontato che la sua cucina è basata prevalentemente sulla tradizione, anche se con la conoscenza, con le tecniche, con attrezzature e cotture nuove cerca di alleggerire, di semplificare e di stupire, ma fondamentalmente alla base c'è sempre la tradizione. Mi ha spiegato che cerca di fare una ristorazione diversa, di alta gamma, che in questa zona della Liguria, da Genova in giù è pressoché assente perché c'è poca cultura. Per fortuna la direzione lo ascolta e gli ha dato molto fiducia. Nella carta ha proposte soprattutto di pesce, ma anche di carne, ma la semplicità è alla base di tutto, non ama stravolgere o coprire le materie prime, per lui gli ingredienti in un piatto non devono essere più di tre o quattro. Sono rimasta piacevolmente sorpresa dalla sua cucina che ho trovato pulita, leggera, creativa ma nello stesso tempo semplice, una semplicità non facile da realizzare, perché stupisce, "lascia il segno". E' questo che mi Ha hanno trasmesso i suoi piatti.  Ha aggiunto che il suo sogno nel cassetto sarebbe quello di diventare il punto di riferimento della zona per quanto riguarda la ristorazione e perché no ricevere anche la tanto ambita stella, ed io sono convinta che sia sulla buona strada!

E dopo cena cosa c'è di meglio che rilassarsi sulla terrazza del bar "Le vie della seta", sorseggiando un cocktail o un bicchiere di vino, ammirando il suggestivo panorama con le mille luci della costa che si riflettono nel mare?

 

Grand Hotel Bristol Resort & Spa

Via Aurelia Orientale 369

16135 Rapallo (Ge)

Tel. 0185 273313

www.grandhotelbristol.it

 

P.S. Il fascino della Belle Epoque in uno dei golfi più amati d'Italia.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 07 Giugno 2017 06:06

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna