Tutta in rosa la finale della XII edizione dello Sparkling Menu

Una finalissima tutta al femminile quella della XII edizione dello Sparkling Menu, che si è svolta domenica scorsa nell'azienda vitivinicola Villa Franciacorta.

 

Le protagoniste sono state cinque donne chef che, con i loro piatti, hanno realizzato un menu così strutturato, abbinato a Franciacorta Cuvette Brut Millesimato 2008:

Cuore di astice blu bretone su riduzione alla Cuvette, crema di piselli, porro e limon cress di Lara Pasquarelli - Ristorante Claudio a Bergeggi (Sv);

Cappelletti aperti con farcia di stracotto, crema di burro e formaggio di montagna in cialda croccante di pasta sfoglia di Camilla Zerbini - Castello dell’Elfo a Lesignano de’ Bagni (Pr);

Lomo di baccalà Ràfols alla griglia su parmentier di porri con pesto di olive taggiasche e pomodorini di Nicoletta Ioli - Il Traghetto a Gabicce Mare (Pu);

Piccione, pera, indivia belga , whisky Laphroaig di Mariangela Susigan - Ristorante Gardenia a Caluso (To);

ed infine, unica eccezione, Cristina Cerbi dell’Osteria di Fornio a Fidenza (Pr) che ha presentato in abbinamento al Franciacorta Briolette Rosé Demi-Sec la Tartare di pere decane con gelato al Parmigiano Reggiano e mosto cottoEd è proprio a Cristina Cerbi che è stato assegnato il premio speciale Armonia del Menù destinato per la prima volta nella storia del concorso a chi ha saputo creare un intero menù all’insegna di abbinamenti perfetti, contrassegnati appunto dall'armonia, un premio speciale che Cristina ha condiviso con il marito Luca, con lei alla guida del locale.

Non è stato facile per la giuria, capeggiata dal giornalista Alberto P. Schieppati, scegliere la vincitrice, ma alla fine è stata Lara Pasquarelli con il suo Cuore di astice blu bretone su riduzione alla Cuvette, crema di piselli, porro e limon cress ad aggiudicarsi il podio della XII edizione dello Sparkling Menu. Lara, classe 1984, è figlia d'arte, suo padre è Claudio dell'omonimo ristorante di Bergeggi (Sv), dal 1990 insignito della stella Michelin e che negli ultimi cinquant'anni ha fatto la storia della ristorazione in Liguria.

“Queste donne chef, le vere protagoniste del nostro evento Sparkling insieme alla Cuvette 2008 di Villa, hanno portato in Franciacorta la propria professionalità, ma anche la propria enorme passione, che si è dimostrata fondamentale per la buona riuscita della serata” ha sottolineato Roberta Bianchi, titolare con il padre Alessandro, che guida l’azienda di Monticelli Brusati insieme al marito Paolo Pizziol.

Questa è la dimostrazione che ha un grande piatto va accompagnato da un grande vino, come questa Cuvette, il cui perlage fine e persistente è solo la premessa alle straordinarie, intense sensazioni di crosta di pane morbido che si alternano a frutta e spezie dolci. Un millesimato di grande struttura e notevole morbidezza, perfetto per essere abbinato a tutto pasto, per il suo carattere accattivante e versatile, oltre che per la sua eleganza.

Ultimo aggiornamento Venerdì 22 Settembre 2017 15:51

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna